notturni

papomentre maledico la mia scelta di usare la fotografia per lavorare in teatro, in una fredda notte nella periferia di Paris, succede l’inaspettato. Al solito.

Qualcosa mi fa capire che in un modo o in un’altro io sono rapito, vorace ed innamorato e che ahimé con la fotografia questo stato è perpetuo.

E cosi, pur sapendo che 700 immagini da scremare mi aspettano su tre atti, trovo il tempo di regalarmi questo incanto.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata il 23 novembre 2013 alle 02:00. È archiviata in notes, Teatro con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Segui tutti i commenti qui con il feed RSS di questo articolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: